Un giorno dopo i settant’anni.

70-¦MarcodOggionoProsciutti-365Settant’anni e un giorno, dopo i grandi festeggiamenti di lunedì 12 ottobre, al Prosciuttificio Marco d’Oggiono. Si sono consolidate amicizie, raffinati i palati e condivise emozioni insieme alle oltre 250 persone che si sono unite ai Fratelli Spreafico – Agnese, Dionigi, Giulia – per la celebrazione del settantesimo anniversario aziendale.

Cibo e sorrisi insieme agli chef che hanno proposto la loro idea dei prodotti di Marco d’Oggiono: Enrico Gerli con Bresaola La Dolce Chianina ripiena di crema di parmigiano, budino d’uovo al tegamino e riso croccante, Giancarlo Morelli con il riso selezione carnaroli mantecato con distillato di erbe di bosco con gelato al caprino e Carpaccio Celtico, Claudio Sadler le mezze maniche di Carla Latini con carciofi stufati, collinetta e spuma di carbonara. E ancora Claudio Prandi, Vincenzo di Bella, Giovanni Cantoni e Ferruccio Castelli con l’Associazione Cuochi Lecco un’indimenticabile polenta al paiolo con Vaniglia e la Vera Mortadella di Fegato.

Bollicine e musica, gusti e attimi preziosi: il Birrificio DuLac, la selezione di vini Dall’Enologo since 1905, il trionfo di pane del Forno di Alice e la magnifica torta di Pasticceria Cosmo. Gusti nuovi e gusti già noti: dislocate tra cantina e piano terra le postazioni al taglio Berkel dei prodotti aziendali.

Un’atmosfera di festa, i laboratori di produzione del famoso Prosciuttificio divengono per una sera luogo di chiacchiere, brindisi e riconoscimenti a tre persone e al loro staff che brindano ai 70 anni e a tutto quello che ancora verrà!

IL CIBO IN ROSA DA MARCO D’OGGIONO.

L’ESOTICO, L’INCONTRO, LA TRADIZIONE.

Gustare l’esotico, incontrare la diversità e pensare all’origine delle cose. Un’esperienza umana e sensibile, il nostro prossimo incontro: Victoire Gouloubi sintetizza la meditazione e la bravura nel trasmettere l’origine spirituale della persona nella concretezza di un piatto. La nostra lezione di cucina con show, sabato 31 gennaio, alle ore 11.00 è il primo dei quattro appuntamenti previsti fino alla primavera nei laboratori di produzione del nostro prosciutto crudo dolce.

ristorante-victoire-chef-950x514

Da un continente all’altro, dalle parole ai piatti: attendiamo l’incontro-confronto di Victoire e Agnese e vi anticipiamo:

  • Risotto con la Vera Mortadella di Fegato brianzola e saka saka
  • Collinetta di Marco d’Oggiono su manioca schiacciata alla menta su crema di burro di arachide e pomodorini

L’obiettivo di questo appuntamento è unire qualche consiglio di una grande Chef al buon gusto della spesa del sabato mattina, da sempre momento di estremo relax e regalo per se stessi.

Un vero momento di show, un contenitore immenso di idee e degli spunti per affinare le nostre capacità in cucina. La parola d’ordine è fattibilità: tutte le nostre ricette sono riproducibili à la maison. Vi spieghiamo e vi consigliamo gli abbinamenti migliori con i prodotti di Marco d’Oggiono.

L’appuntamento è gratuito, i posti sono limitati. Prenotate per voi e i vostri amici, scrivete a agnese@marcodoggiono.com oppure telefonate al numero 0341 576285.

L’incontro precedente con Federico Veronesi.

Tutti gli appuntamenti del sabato mattina al Prosciuttificio Marco d’Oggiono.

Un Natale divertente!

Il Natale è soprattutto divertente al Prosciuttificio Marco d’Oggiono! Dionigi e Agnese con i pacchi regalo di Marco d’Oggiono: il cubo brianza e il cartoccio sono solo gli involucri perchè tutta la nostra anima, è dentro.

Per informazioni sulle possibilità e personalizzazioni info@marcodoggiono.com oppure T 0341 576285.oggiono-9248oggiono-9226

 

UN NATALE ELEVATO AL CUBO!

Il Natale 2014 è elevato al cubo! Il CUBO BRIANZA è la nostra scelta di “abbinamento gastronomico”, un incontro perfetto di prodotti e sapori complementari tra loro per rivivere i prodotti della memoria: come un pacco postale ci spedisce nel passato e nei tradizionali pranzi della Brianza. Il calore di casa e la semplicità dei gusti della memoria si incontrano in un connubio trasversale di sapori che soddisfano i palati di tutte le età.

Ima 2

Il nostro Cotechino Vaniglia si scioglie sotto la calda Polenta di Storo, quella con la farina gialla macinata nel vecchio mulino di Storo, la più rinomata d’Italia. La Mortadella di Fegato è un sapore che vive nella memoria storica dei nostri paesini, da consumare cruda oppure cotta. Il Salame di Coscia apre le danze della tavola natalizia e per augurare abbondanza e ricchezza, cosa scegliere se non le famose Lenticchie di Castelluccio IGP, con la loro buccia sottilissima, coltivate nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Ci viene da dire che la felicità, è dentro.

UNO CHEF, DUE RICETTE E TUTTI I NOSTRI PROSCIUTTI

Una tartare e un risotto, lo chef, i titolari di un’azienda storica brianzola e i salumi di Marco d’Oggiono: ecco i protagonisti della prima lezione di cucina con show nei laboratori di produzione dei famosi prosciutti dolci, sabato 8 novembre, alle ore 10.30. L’obiettivo di questo appuntamento è unire qualche consiglio al buon gusto della spesa del sabato mattina, da sempre momento di estremo relax e regalo per se stessi.

Lo Chef, trentino e amico, si chiama Federico Veronesi. Appassionato di erbe aromatiche, trasmette il territorio nei piatti e ha tra i suoi maestri le stelle Michelin di Norbert Niederkofler** e Giancarlo Morelli*. Ci regala la sua simpatia e ci intrattiene con due ricette utilizzando i prodotti di Marco d’Oggiono:

  • Tartare di Carpaccio Celtico, insalata di carciofi, uovo e cialda di parmigiano
  • Riso selezione carnaroli mantecato alla zucca, crema di gorgonzola e croccante di Collinetta

Un vero momento di show, un contenitore immenso di idee e degli spunti per affinare le nostre capacità in cucina. La parola d’ordine è fattibilità: tutte le nostre ricette sono riproducibili à la maison. Vi spieghiamo e vi consigliamo gli abbinamenti migliori con i prodotti di Marco d’Oggiono.

Uno chef, due ricette e nessun limite al cucinare!

L’appuntamento è gratuito, i posti sono limitati. Prenotate per voi e i vostri amici, scrivete a agnese@marcodoggiono.com oppure telefonate al numero 0341 576285.

Restate con noi, dal 10 al 24 agosto!

Ai nostri amici Gourmet,
dedichiamo un’estate colorata, la nostra sarà all’insegna dei sapori buoni.Gustatevi due momenti insieme a noi, mentre siete in vacanza:

la replica della nostra partecipazione a Mela Verde, il programma  di Canale 5 – domenica 3 agosto alle ore 11.55

la ricetta del nostro risotto estivo  saporito, bello da vedere , delizioso da gustare:  Riso selezione Carnaroli mantecato alla crescenza, Buröla  Marco d’Oggiono croccante, crema di piselli e fiori di campo.  E’  facilissima! Ecco i passaggi.

Risotto con Burola (3)

 

RISO SELEZIONE CARNAROLI MANTECATO ALLA CRESCENZA, BURÖLA CROCCANTE, CREMA DI PISELLI E FIORI DI CAMPO.

Risotto con Burola
Dosi per 4 persone:

Per il risotto
–       240 g     riso carnaroli
–       200 g     Buröla Marco d’Oggiono
–       100 g     burro
–       1/2         cipolla tritata finemente
–       1 bicch.  vino bianco
–       100 g     crescenza
–       80 g       grana padano grattugiato
–       2 l          brodo vegetale
–       Sale

Per la crema di piselli
–       100 g      piselli freschi senza baccello
–       2 cucch.  olio extra vergine di oliva italiano
–       Sale

Fiori eduli per la guarnizione
–       rosa
–       Nasturzio
–       Calendula
–       Violetta del pensiero
Crema di piselli:
Pulire i piselli privandoli del baccello e lavateli in acqua fredda.
Sbollentarli per circa 3/4 minuti in acqua bollente non salata,scolarli e raffreddarli in acqua fredda per mantenere il colore verde vivo.
Mettere nel frullatore (o Bimby) ed emulsionare ad elevata velocitá assieme all’olio extra vergine d’oliva ed un pizzico di sale sino ad ottenere una crema omogenea.
Lasciar riposare a temperatura ambiente durante la cottura del riso.

Risotto:
Preparare un brodo vegetale a freddo con una carota e mezza cipolla bianca, fate bollire lentamente per almeno mezz’ora.
In una casseruola fare soffriggere lentamente la cipolla tritata finemente con una noce di burro avendo cura di non farla imbiondire.
Appena pronta la cipolla versare il riso e farlo tostare.
Mescolare a fuoco vivo per qualche istante.
Spruzzare con il vino bianco e farlo evaporare.
Bagnare il riso con il brodo vegetale poco alla volta e farlo cuocere per circa 13 minuti.
Nel frattempo sminuzzare con le mani la Buröla Marco D’Oggiono per ottenerne dei bocconcini delle dimensioni che preferite e far rosolare velocemente in una padella antiaderente.

A cottura ultimata del riso levare dal fuoco e mantecare con il burro tagliato a piccoli pezzetti, la crescenza ed infine il grana.

Aggiustare di sale e lasciare riposare il risotto vicino al fuoco per un minuto prima di impiattare.

Sistemare il riso in un piatto piano caldo, guarnire con la crema di piselli, la buröla croccante, i fiori e finire il riso con un filo di olio extravergine  rigorosamente italiano (un Dop Garda Bresciano preferibilmente).

 

 

Ricetta di Federico Veronesi.

il Ma(r)c Burger, seguiteci step by step!

l valore di un panino semplice, sta nell’intensitá dei sentimenti che mettiamo per prepararlo. La condivisione per esempio.
Preparate il nostro Marc Burger a casa con la vostra famiglia!
Gli ingredienti?
Una confezione di Buroeula Marco d’Oggiono
Due pomodori
Quattro panini rotondi per hamburger (meglio ancora con il sesamo!)
Maionese fresca
Formaggio Edamer
Insalata croccante
cosa ne dite?
IMG_4644
E’ molto semplice, seguiteci step by step cliccando su questo link.
Enjoy our Ma(r)c Burger!

Carpaccio celtico d’estate.

Carne di Chianina italiana, il nostro Carpaccio Celtico è l’espressione massima della linea di prodotti che definiamo celtici, cioè affumicati, come proprio i celti ci insegnano per conservare i prodotti. Fresco per un aperitivo di primavera, regala una sensazione di scioglievolezza senza pari.

Aperitivi mese di giugno (3)